Home Focus Le buone pratiche per il risparmio energetico. Il Comune di Firenze aderisce...

Le buone pratiche per il risparmio energetico. Il Comune di Firenze aderisce a “M’illumino di meno”

Lorenzo Ottanelli
295
0

La ripresa e poi la guerra hanno fatto salire il costo dell’energia e del gas a prezzi mai visti. Per questo il Comune di Firenze ha deciso di aderire alla campagna di “M’illumino di Meno” per il risparmio energetico.

Sono 16 buone regole da seguire per risparmiare denaro e aiutare l’ambiente. Ma anche per risparmiare in caso di carenza delle materie prime, nell’ottica di meno ma per tutti, di meno ma per più tempo.

Comportamenti virtuosi nel campo dei consumi delle abitazioni e dell’utilizzo degli elettrodomestici, dell’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici e della raccolta differenziata.

Le buone pratiche prevedono: utilizzare al meglio gli elettrodomestici, spegnendo quelli inutilizzati, in modo da ridurre il consumo energetico occulto di televisioni, monitor e condizionatori che rimangono in standby; utilizzare programmi ‘Eco’ per lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie; ma anche caricarli in modo corretto e scegliere quelli di classe A++; stirare solo il necessario; ridurre l’utilizzo dell’ascensore nei condomini per chi abita entro i primi tre piani (con benefici anche per la salute); usare correttamente il forno elettrico, attivando il preriscaldamento solo quando è necessario, quando possibile, preferire il forno a microonde; utilizzare razionalmente il frigorifero, non abbassando la temperatura sotto i 3° e non aprendolo inutilmente.

Per i consumi delle abitazioni: risparmio del combustibile per il riscaldamento, regolando la temperatura ambiente a non più di 18-19 gradi; l’utilizzo di lampadine a basso consumo come quelle a led o l’installazione di infissi che impediscono le dispersioni termiche.

Infine, per il risparmio energetico fuori casa, il vademecum indica la preferenza per i mezzi pubblici o la bici, limitando l’uso dell’auto; ma anche la corretta raccolta differenziata, che permette un sostanziale risparmio energetico per il riciclo e lo smaltimento dei materiali e si trasforma in un minor costo pro capite per la Tari. Importante anche non abbandonare i rifiuti, evitando così spreco di risorse per la raccolta, lo smaltimento e la pulizia

“Aderiamo anche quest’anno alla campagna ‘M’illumino di meno’ – ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re – con un elenco di regole e buone pratiche che ognuno di noi è chiamato a rispettare per efficientare l’uso delle risorse energetiche. In questo momento storico infatti, di fronte al caro bollette e ad una guerra che vede coinvolto anche il tema dell’energia, abbiamo ritenuto doveroso fare la nostra parte: non solo per la tutela ambientale, ma anche come gesto di pace. Spegniamo dunque le nostre luci il più possibile, i nostri elettrodomestici, non prendiamo l’ascensore, abbassiamo di un grado la temperatura del nostro riscaldamento: ognuno di noi può fare davvero tanto per abbassare il livello dei consumi energetici della nostra città”.