Home Primo piano Continua il trend positivo del Gruppo DR con i marchi DR e...

Continua il trend positivo del Gruppo DR con i marchi DR e Evo. Presto la DR 6 e un pick up con motore diesel

admin
215
0

Una scelta partita da lontano che ha portato la DR messa in piedi da Di Risio ad essere la regina nel primo trimestre 2022 in fatto di vendite auto: 1.458 auto immatricolate a gennaio, 1.585 a febbraio e 1.504 a marzo (+ 163,40 su marzo 2021).

Con questi numeri nel dettaglio i numeri DR Automobiles Groupe ha registrato  un + 191,17 con ben 4.548 vendute a privati che, rappresenta oltre il 50% dei volumi complessivi dello scorso anno, chiuso con 8.362 auto.

Un risultato a cui i due brand del gruppo, DR ed EVO, hanno contributo quasi in egual misura. DR 4.0 ed EVO 3 sono stati i top seller del primo trimestre 2022.

La proiezione di questi numeri a fine 2022 vedrebbe il superamento delle 15.000 unità, tuttavia senza tener conto di quelli che saranno i lanci dei nuovi modelli, sia per DR che EVO.

La società di Di Risi non si ferma con l’analisi di questi dati ma guarda al futuro lanciando fra 15 giorni la DR 6.0 che rappresenta  il top di gamma della casa di Isernia. DR6 è un suv da 4,5 mt. con motore 1.5 turbo da 154 CV bi-fuel benzina/GPL e cambio CVT a 9 rapporti. Nel pieno rispetto della filosofia DR sarà full optional di serie con una ricchissima dotazione.Molto atteso dal mercato, in giugno,  con i concessionari che cominciano a raccogliere ipotesi di contratto per il pick up Evo equipaggiato con un motore 2.0 turbo diesel da 150 CV. Anche questo full optional di serie.
Nel secondo semestre ci sarà il completamento delle due linee di modelli con la DR 7.0, un SUV 7 posti da 4,7 mt. e la EVO 7 SUV da 4,7 mt. che sarà disponibile nella versione 6 e 7 posti.

Inoltre a cavallo tra il primo ed il secondo semestre DR Automobiles Groupe affiancherà ai due brand generalisti DR ed EVO altri due nuovi brand, che avranno un posizionamento di mercato più alto.
Uno prevede una gamma composta da 3 SUV ed un pick-up, l’altro un off-road ed un SUV compatto.

Pertanto la chiusura di fine anno potrebbe essere ben superiore all’attuale proiezione di 15.000 unità.