Home Focus Ferragamo: +23,2% ricavi 1/o trimestre 2022, utile 14 mln. Investimenti di...

Ferragamo: +23,2% ricavi 1/o trimestre 2022, utile 14 mln. Investimenti di 400 mln per il 2023-26

admin
108
0
A model presents a creation by Salvatore Ferragamo during the 'Milano Moda Donna' Spring/Summer 2022 Milan Women's Fashion in Milan, Italy, 25 September 2021. The Milan Women's Fashion Week runs from 21 to 27 September 2021.ANSA/MOURAD BALTI TOUATI

I ricavi del primo trimestre 2022 del gruppo Salvatore Ferragamo hanno raggiunto quota 289 milioni di euro, in crescita del 23,2% rispetto al primo trimestre 2021, con un utile netto di 14 milioni a fronte della perdita di 0,6 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente.

Secondo quanto rende noto la maison fiorentina, l’Ebitda è di 66 milioni (+40,4%), l’Ebit di 24 mln (7 mln nel 2021), e la posizione finanziaria netta adjusted vede una liquidità netta di 359 mln, contro i 169 mln del 31 marzo 2021.

Ferragamo ha anche annunciato un piano di investimenti da 400 milioni di euro per il 2023-26.

“Sono orgoglioso di far parte di questo brand iconico, fondato su un eccezionale patrimonio di creatività, artigianalità e valori umani”, ha commentato Marco Gobbetti, nuovo amministratore delegato e direttore generale di Salvatore Ferragamo Spa. “Nonostante il perdurare della pandemia e del conflitto in Ucraina – ha aggiunto – in questo primo trimestre abbiamo conseguito una buona crescita dei ricavi e del margine operativo. Pur in presenza di una crescente volatilità del contesto geopolitico ed economico, riteniamo di poter incrementare i ricavi per l’anno in corso, ed oggi stiamo introducendo le leve per accelerare la crescita e realizzare il potenziale di Ferragamo”.
Riguardo al raggiungimento dell’obiettivo di incremento dei ricavi, afferma Ferragamo, “sarà perseguito con una serie di azioni finalizzate a rispondere alla continua evoluzione del contesto del mercato del lusso”. Quattro gli highlights strategici individuati: “Il prodotto sempre al centro – si legge -, nuova energia al marchio, priorità al digitale, arricchimento della customer experience”.