Home Focus Federalbergi, “Una mazzata per le imprese turistiche-ricettive”

Federalbergi, “Una mazzata per le imprese turistiche-ricettive”

admin
175
0

Una mazzata che le imprese turistico-ricettive non possono sostenere. L’aumento della Tari arriva dopo quelli degli anni scorsi, che abbiamo dovuto subire malgrado le nostre strutture siano rimaste chiuse per la pandemia e quindi nessuno di noi abbia prodotto rifiuti. Aumento che nonostante le richieste non ci è stato concesso di scontare. Tutto questo a causa di una carenza storica degli impianti di smaltimento che la Regione non riesce a colmare e senza che i Comuni siano riusciti a fare adeguata pressione per costruire un sistema diverso che eviti la corsa al rialzo delle tariffe, che già sappiamo continuerà anche nei prossimi anni, dopo che negli ultimi 3 è arrivata al 17%”.

Così il presidente di Federalberghi Firenze, Francesco Bechi, che prosegue: “Come si può pensare che il sistema delle imprese possa ripartire in queste condizioni e dopo che i due anni di stop hanno eroso in modo consistente la capitalizzazione. Davvero come nel film di Benigni e Troisi: non ci resta che piangere, e forse chiudere”.