Home Ultim'ora Governo Meloni, Metsola: “Italia deve restare al centro dell’Europa”

Governo Meloni, Metsola: “Italia deve restare al centro dell’Europa”

Adnkronos
104
0

(Adnkronos) – L’Italia deve rimanere “al cuore dell’Europa”. Così la presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, in un’intervista trasmessa alla Festa dell’Ottimismo del Foglio oggi a Firenze. Metsola dice di essere “sempre” ottimista sulla direzione dell’Italia con Giorgia Meloni come presidente del Consiglio. C’è il rischio che segua il modello di Polonia e Ungheria? “Ho parlato con molti leader dei partiti. Con Meloni, con Enrico Letta, con Antonio Tajani e con Mario Draghi. E il messaggio è stato che l’Italia deve rimanere al centro dell’Europa”, dichiara Metsola. “Sull’Ucraina le parole di queste persone sono state chiarissime. Sulle relazioni atlantiche sono state chiarissime. Continuerò a guardare all’Italia come il Paese pro europeo che è”, spiega Metsola.  

L’Italia non è solo “uno dei sei paesi fondatori”, importante per la “posizione geografica” e le “dimensioni”. Secondo la presidente del Parlamento europeo, “l’Italia e gli italiani sono un popolo molto pro europeo, che ci dà lezioni di cultura, di libertà di pensiero, di storia accademica. Per me non c’è altra scelta per l’Italia che essere al centro dell’Europa”. Meloni tuttavia va confrontata anche alla prova dei fatti. Secondo Metsola, le scelte per i ministeri dell’Economia, degli Esteri, degli Affari europei e dell’Interno sono “importanti” per confermare “il messaggio europeista che fino a oggi ho sentito”.  

All’attenzione della presidente dell’Europarlamento c’è anche la prova della politica economica. La brutta fine della premier britannica, Liz Truss, deve essere una “lezione” per l’Ue e per il nuovo governo in Italia. Il clima è cambiato rispetto a sei anni fa, quando i britannici scelsero la Brexit. All’epoca “vedevamo molte forze politiche in molti paesi che dicevano che era meglio uscire dall’Europa. Oggi non lo dice più nessuno. Anzi abbiamo una lista sempre più lunga di Paesi che vogliono entrare”.  

GB – Secondo Metsola, “i nostri cittadini capiscono le conseguenze di essere fuori”. Ma le ricette populiste, come quelle adottate da Truss, portano a “instabilità democratica e finanziaria”. L’ottimismo di Metsola si estende all’Europa, nonostante la guerra in Ucraina, la crisi energetica, le difficoltà economiche e le proteste sociali. “L’Ue è più unita di quanto abbia mai visto”, dice la presidente del Parlamento europeo.  

PANDEMIA E CRISI GAS – “Con la pandemia abbiamo scoperto che le soluzioni devono essere a livello europeo. Anche se non previste (dai trattati), anche se siamo in crisi, anche se dobbiamo spendere più soldi”. Nel 2020-21 la risposta furono le emissioni di debito comune di Next Generation Eu e gli acquisti comuni di vaccini. “All’inizio della pandemia, se i Paesi fossero andati da soli, quelli più poveri non avrebbero avuto la possibilità di comprare vaccini e noi non saremmo qui”, ricorda Metsola.  

L’Ue è in grado di “trovare soluzioni a livello europeo e trovare la solidarietà necessaria nel momento in cui andiamo verso un inverno che sarà difficile”, sottolinea dopo che al Consiglio europeo i leader hanno trovato un’intesa politica sul principio del price cap del gas e di un fondo comune per aiutare i paesi che non hanno spazio fiscale. Secondo Metsola, “i cittadini ci chiedono più Europa. Dieci anni fa non era così. C’era più la tentazione di andare da soli, perché alcuni pensavano di essere più forti da soli. Ma non erano più forti. Quando c’è stata la crisi dell’euro, abbiamo capito che la solidarietà deve essere europea”, spiega la presidente del Parlamento europeo.  

GUERRA UCRAINA – Quanto alla guerra in Ucraina “non abbiamo scelta: non possiamo dare a Putin la possibilità di vincere”, ha scandito Metsola sostenendo che il leader russo non si fermerà all’Ucraina e domani ci sarà un’altra vittima. Può essere “costoso o difficile”, ha detto, ma “i politici eletti per proteggere la democrazia non possono permettersi di sentire la fatica”. Secondo Metsola, che ad aprile era stata la prima leader delle istituzioni comunitarie a visitare Kiev dopo l’invasione, sono gli ucraini che danno “coraggio e speranza”, battendosi per i valori europei e il loro paese, “anche se sono bombardati tutti i giorni indiscriminatamente”. A livello europeo, ha ricordato la presidente dell’europarlamento, “abbiamo adottato otto pacchetti di sanzioni. Abbiamo preso decisioni senza precedenti. Svezia e Finlandia hanno chiesto di entrare nella Nato”.