Home Focus Polizia di Stato e Polizia Penitenziaria in sinergia per anticipare insieme la...

Polizia di Stato e Polizia Penitenziaria in sinergia per anticipare insieme la soglia di prevenzione della violenza di genere

admin
112
0

Il Questore della provincia di Firenze Maurizio Auriemma ha siglato con i Direttori delle Case Circondariali di Sollicciano e Gozzini un importante protocollo d’intesa in materia di “Codice Rosso e Misure di Prevenzione”.

Scopo principale dell’iniziativa – incentivata in tutta Italia dalla Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato – è quello di anticipare la soglia di prevenzione di quei reati identificati oramai dall’opinione pubblica con il nome di “violenza di genere” come la violenza sessuale, i maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori, ai quali si aggiungono naturalmente anche i delitti a sfondo sessuale contro i minori.

Nel corso degli anni la Polizia di Stato si è sempre più avvalsa di strumenti predisposti per dare maggiore incisività ed efficacia all’azione di prevenzione e contrasto al fenomeno. Tra le altre cose, l’ormai noto “protocollo Zeus”, siglato a Firenze la scorsa estate sempre dal Questore Maurizio Auriemma, si pone insieme al CIPM Toscana APS, proprio l’obiettivo di sostenere le vittime di “stalking”, “violenza domestica” e “cyberbullismo” nonché di rieducare gli artefici di tali condotte.

Sempre grazie alla continua ricerca delle Istituzioni per rafforzare e migliorare, giorno dopo giorno, la loro capacità di arginare questo indiscusso male della nostra società, oggi a Firenze è stato fatto un ulteriore passo avanti, superando in qualche modo il concetto stesso di “prevenzione”.

Da oggi, in funzione del nuovo protocollo d’intesa, le Direzioni delle due carceri fiorentine lavoreranno in sinergia con la Divisione Polizia Anticrimine della Questura, attraverso un proficuo scambio di informazioni relative alle scarcerazioni dei detenuti che, ritenuti colpevoli dei cosiddetti reati da “Codice Rosso”, torneranno liberi (per qualsiasi motivo) nel capoluogo toscano.

La Polizia di Stato potrà in questo modo anticipare, laddove si renda necessario, la soglia di prevenzione della violenza di genere con ogni mezzo a sua disposizione, ricordando tuttavia che resta sempre fondamentale la fiducia nelle Forze di Polizia alle quali le eventuali vittime sono sempre invitate a rivolgersi per mettere così un punto alle loro vicende.

Presente al momento della firma del protocollo d’intesa, avendone condiviso pienamente la linea ispiratrice e gli obiettivi, anche il provveditore regionale dell’Amministrazione Penitenziaria di Toscana e Umbria, Pierpaolo D’Andria, che diffonderà agli altri istituti della Toscana il documento siglato questa mattina in Questura a Firenze.