Home Ultim'ora Crollo Marmolada, procura Trento chiede archiviazione: “No responsabilità umana”

Crollo Marmolada, procura Trento chiede archiviazione: “No responsabilità umana”

Adnkronos
110
0

(Adnkronos) – La procura di Trento ha chiesto l’archiviazione per l’inchiesta aperta dopo la valanga e il crollo sulla Marmolada del 3 luglio 2022 in cui hanno perso la vita 11 persone. Nella richiesta firmata dal procuratore di Trento Sandro Raimondi e dal pm Antonella Nazzaro si evidenzia l’imprevedibilità dell’evento, come sostenuto dalla perizia ordinata dalla procura a un pool di esperti. Il distacco – ad avviso dei consulenti – “si è verificato per l’azione concomitante delle elevate temperature e delle caratteristiche strutturali/meccaniche del ghiacciaio stesso” azione combinata che “ha impedito ed impedisce la prevedibilità dell’evento ovvero della mobilizzazione inaspettata di una porzione di ghiaccio”.  

La sola temperatura “non avrebbe causato il crollo e neppure avrebbe di per sé dovuto allarmare, attesa l’assenza di segnali premonitori osservabili ‘macroscopicamente’: il peggioramento delle condizioni del ghiaccio è un fattore rilevabile a posteriori e ciò contribuisce a confermare l’ipotesi di una imprevedibilità dell’evento”. Le conclusioni a cui giungono i consulenti, secondo la procura “vanno pienamente condivise nessuna responsabilità ‘umana’ può essere, nel caso di specie, ravvisata. Neanche gli esperti della zona – guide alpine e frequentatori della Marmolada – hanno ‘avvertito’ condizioni anomale idonee a far presagire l’accaduto”. Peraltro, il cambiamento climatico “non può costituire di per sé ragione o criterio” per supporre eventi come quello del 3 luglio 2022.  

Per il futuro sarà “da monitorare – da parte di tutti -, al fine di prevenire tragedie e perdite di preziose vite umane, anche il rischio costituito da movimenti improvvisi di masse di ghiaccio quali fenomeni, comunque, al pari di altri ‘naturali’ (scosse telluriche, inondazioni, maremoti, tsunami e simili) legati alla continua trasformazione/evoluzione della massa terrestre e che, purtroppo, stanno diventando sempre più frequenti ovunque ed anche alle nostre latitudini”, si legge nelle conclusioni della richiesta di archiviazione.