Home PRIMO PIANO Rita Dalla Chiesa: “Bravissima Paola Ferrari su De Benedetti, grande onestà intellettuale”

Rita Dalla Chiesa: “Bravissima Paola Ferrari su De Benedetti, grande onestà intellettuale”

Adnkronos
138
0

“Il tono che Carlo De Benedetti ha usato nei confronti del premier Giorgia Meloni è un tono che sarebbe sbagliato nei confronti di qualunque persona, di qualunque donna e di qualunque politico. Io credo che il rispetto sia la prima cosa a cui badare quando si parla”. Così Rita Dalla Chiesa commenta la bufera scatenata dalle parole dell’ex patron del gruppo Espresso Carlo De Benedetti, che nei giorni scorsi ha attaccato duramente il premier Giorgia Meloni e il governo in occasione del festival del quotidiano ‘Domani’, di cui è editore.

“Ho visto e sentito De Benedetti molto spesso in questo ultimo periodo in tv, cosa che non faceva prima: evidentemente sente il bisogno di apparire – affonda la deputata di Forza Italia – Non credo che lui sia la persona giusta per poter esprimere alcun giudizio, visto che se dovessimo dare noi un giudizio su di lui non sarebbe un giudizio positivo, però ci guarderemmo bene dal parlare come si è espresso lui”.

La Dalla Chiesa commenta poi le parole della nuora di De Benedetti, la giornalista Paola Ferrari, che in un’intervista all’Adnkronos ieri ha preso duramente le distanze dalle parole del suocero, definendole “disgustose”. “Bravissima Paola Ferrari, la capisco perché non deve essere stato facile per lei prendere posizione dato che la vicenda riguarda la sua famiglia – osserva la Dalla Chiesa – e non è facile mettersi in condizione di essere giudicata all’interno della famiglia, ma conoscendo la sua onestà intellettuale non poteva fare altrimenti”.

E sulle critiche al governo e alla Meloni, la deputata forzista aggiunge: “Mi dispiace molto quello che sta accadendo al premier Giorgia Meloni perché non merita assolutamente tutto quello che viene detto su di lei”, scandisce Rita Dalla Chiesa. E conclude: “De Benedetti cominci col rispetto, nei confronti di chiunque. Così magari questa strisciante violenza verbale, che purtroppo esiste, non avrà più ragione d’essere”.

(di Ilaria Floris)