Home CRONACA Al Visarno la 196^ Corsa dell’Arno. Concorso “il cappello più bello per...

Al Visarno la 196^ Corsa dell’Arno. Concorso “il cappello più bello per Corri la Vita”

admin
371
0

Sport, moda, mondanità e solidarietà. La 196^ edizione della Corsa dell’Arno, la competizione di galoppo più antica d’Italia che si terrà il 25 aprile all’Ippodromo del Visarno – Cesare Meli, sarà come sempre un grande happening per Firenze. Come accade da otto anni a questa parte, non poteva mancare il connubio tra la corsa e il concorso “Il Cappello più bello per Corri la Vita”, organizzato in collaborazione con il Consorzio Il Cappello di Firenze e volto a raccogliere fondi per l’associazione guidata da Eleonora Frescobaldi, impegnata ad aiutare le donne colpite da tumore al seno e a finanziare progetti per la prevenzione, la diagnosi precoce e la cura della malattia.

L’apertura dei cancelli è fissata per le 14:30 (biglietto di ingresso €5, gratuito per i bambini), con un programma ricco di eventi non solo per gli appassionati di galoppo, ma anche per giovani, famiglie e bambini. Il programma è stato presentato questa mattina (21 aprile) alla Club House dell’ippodromo da Carlo Meli della Sanfelice. Insieme a lui, l’assessore allo sport del Comune di Firenze Cosimo GuccioneFranco Frasconi, vicepresidente Consorzio del Cappello di Firenze, e Rosaria Frescobaldi, rappresentante del Comitato organizzatore di Corri La Vita Onlus.

«Storia, tradizione e modernità – ha dichiarato Carlo Meli – La “Corsa dell’Arno” è tutto questo e siamo felici di presentarla quest’anno confermando consolidate collaborazioni e illustrandone di nuove, a testimonianza dell’attrattività che questa competizione ha a Firenze e oltre. Per noi della Sanfelice aprire l’ippodromo alla città e a un pubblico più vasto di quello usuale, farne conoscere la storia e renderlo un luogo dove poter passare una giornata di divertimento all’aria aperta è un punto di impegno. Quest’anno, con l’intitolazione dell’impianto a Cesare Meli, tutto questo ha un significato speciale che ci spinge a trovare nuovi modi per far conoscere l’ippica a un pubblico più giovane».