Home VETRINA Guerra in Ucraina / Diga Kakhovka distrutta, lo scambio di accuse e...

Guerra in Ucraina / Diga Kakhovka distrutta, lo scambio di accuse e l’allarme Onu

Adnkronos
221
0
La diga Kakhovka bombardata, che ha allagato parte del territorio lambito dal fiume Dnipro

Scambio di accuse tra Ucraina e Russia per l’esplosione che ha distrutto l’importante diga Kakhovka sul fiume Dnipro, con i leader mondiali che hanno lanciato l’allarme di una catastrofe umanitaria e ambientale.

Decine di migliaia di persone sono state evacuate e le autorità russe nell’Ucraina meridionale occupata hanno dichiarato lo stato di emergenza , anche se in molti in Occidente hanno puntato il dito contro Mosca. “È evidente che si tratta di un’aggressione da parte russa per fermare l’offensiva ucraina a difesa del proprio Paese”, ha dichiarato il cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Ci troveremmo di fronte a un “nuovo livello di bassezza” se le forze della Russia di Vladimir Putin emergessero come responsabili dell’attacco alla diga, ha commentato il premier britannico, Rishi Sunak.
Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha definito il crollo della diga di Kakhovka “un’altra conseguenza devastante dell’invasione russa dell’Ucraina”, ma ha aggiunto di non aver accesso a informazioni indipendenti sulle cause del disastro. “Abbiamo tutti visto le tragiche immagini della monumentale catastrofe umanitaria, economica ed ecologica accaduta nella regione ucraina di Kherson… gli attacchi ai civili e alle infrastrutture civili devono cessare”, ha detto Guterres. Le agenzie Onu, ha aggiunto, si stanno coordinando con Kiev per la fornitura “di acqua potabile, compresse per la purificazione dell’acqua e altra assistenza critica”.

Mentre veniva convocata una riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il capo dell’ufficio presidenziale di Kiev Andriy Yermak, ha chiesto che la Russia perdesse il suo seggio nell’organismo. L’Ucraina ha anche accusato la Russia di terrorismo di Stato davanti alla più alta corte delle Nazioni Unite. Durante l’incontro a New York, l’ambasciatore ucraino alle Nazioni Unite Sergiy Kyslytsya ha accusato Mosca di aver fatto esplodere “una bomba di distruzione ambientale di massa che ha portato al più grande disastro antropico in Europa degli ultimi decenni”. Kyslytsya ha parlato di un “atto di terrorismo ecologico e tecnologico”, aggiungendo che l’esplosione è stata “un altro esempio del genocidio della Russia contro gli ucraini”.

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite Vasily Nebenzya ha invece affermato che l’incidente è stato un “sabotaggio deliberato intrapreso da Kiev” e dovrebbe essere “classificato come un crimine di guerra o un atto di terrorismo”. La diga è stata utilizzata per un “crimine impensabile”. Secondo il ministero degli Esteri di Mosca, l’esplosione è stata un’azione pianificata e mirata dell’esercito ucraino come parte della sua controffensiva. Kiev non solo ha sparato contro la diga, ma ha anche innalzato il livello dell’acqua a un livello critico aprendo in anticipo una paratoia sul corso superiore del fiume Dnipro. Secondo l’accusa di Mosca, la rottura della diga danneggerebbe l’agricoltura e l’ecosistema della regione di Kherson e avrebbe ripercussioni sull’approvvigionamento idrico della Crimea.

La Crimea, annessa illegalmente dalla Russia nel 2014, riceve acqua dal Dnipro attraverso un canale. Mentre questo è stato temporaneamente prosciugato dopo il 2014, la Russia ha riaperto il canale verso la Crimea per l’irrigazione della penisola dopo l’occupazione della diga di Kakhovka.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha respinto le affermazioni del Cremlino secondo cui Kiev avrebbe distrutto la diga, paragonando l’azione all’uso di un’arma di distruzione di massa. “Questo è il più grande disastro ambientale causato dall’uomo in Europa negli ultimi decenni”, ha dichiarato il presidente ucraino. ”La Russia è colpevole di brutale ecocidio”, ha scritto, affermando che ”ogni ulteriore commento è superfluo. Il mondo deve reagire”. E questo perché ”la Russia è in guerra contro la vita, contro la natura, contro la civiltà”. “La Russia deve lasciare la terra ucraina e deve essere ritenuta pienamente responsabile del suo terrore”, ha proseguito Zelensky dicendo che oggi ”è solo un altro giorno dell’aggressione russa”, un altro ”atto di terrorismo russo”.