Home NEWS Artigianato e Palazzo torna nel Giardino Corsini a Firenze

Artigianato e Palazzo torna nel Giardino Corsini a Firenze

admin
149
0

Allargare gli orizzonti, dialogare, affrontare il cambiamento, evidenziare il rinnovamento nel talento sperimentale, sono i concetti chiave della mostra Artigianato e Palazzo, giunta alla XXIX edizione,  che potrà essere visitata  dal 15 al 17 settembre al Giardino Corsini di Firenze, con una nuova selezione di 100 maestri artigiani e un programma diversificato di mostre, incontri e laboratori “con l’obiettivo – sottolineano gli organizzatori Sabina Corsini, Presidente dell’Associazione Giardino Corsini, e l’ideatore Neri Torrigiani – di evidenziare l’unicità dei mestieri artigiani, affinché siano competitivi nello scenario contemporaneo; di estendere i confini verso le nuove generazioni, per progettare il futuro; di sollecitare nuove sinergie tra competenze differenti, per immaginare un domani collettivo; e favorire il dialogo con le committenze, per aprire a loro nuove opportunità.”.

Perché, come scrive il Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso nel Catalogo di Artigianato e Palazzo: “L’artigianato è una parte essenziale del nostro sistema produttivo: le imprese artigiane sono quasi 1,3 milioni e rappresentano circa un quinto del tessuto imprenditoriale nazionale. Coinvolgono oltre 2,6 milioni di lavoratori tra titolari, collaboratori e lavoratori dipendenti”,

“Il valore dell’artigianato, tuttavia, va ben oltre i numeri che lo rappresentano: è l’essenza del Made in Italy che rende il nostro Paese leader globale in numerosi settori in cui esprimiamo l’eccellenza a livello internazionale.

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy vuole continuare a valorizzare le produzioni artigiane, ambasciatrici del nostro saper fare in Italia e nel mondo. Nel DDL Made in Italy abbiamo introdotto una serie di misure anche a sostegno del comparto prevedendo diversi ambiti di intervento: percorsi formativi adeguati per giovani che possono entrare in possesso dei saperi trasmessi di generazione in generazione; la valorizzazione della tutela delle creazioni legate in maniera tipica ai territori; infine il rafforzamento della lotta alla contraffazione che tanto danneggia chi produce onestamente nel rispetto delle regole a favore dell’ambiente e dei lavoratori. L’Italia è fatta di città, borghi e palazzi che, insieme agli artigiani, sono in grado di narrare da secoli a tutto il mondo la bellezza, la qualità e l’esclusività dei nostri prodotti oggi concentrati anche in questo magnifico catalogo.“, conclude il Ministro Urso.

Le novità di Artigianato e Palazzo sono soprattutto tre: il debutto della collaborazione con Métiers d’Excellence LVMH, la mostra collettiva “Materia e Virtuosismo” promossa da Artex e curata da Jean Blanchaert; il nuovo allestimento site specific de “La Grande Bellezza by Starhotels” nella Limonaia Grandi Maestri.

Artigianato e Palazzo si conferma “una mostra di artigiani prima ancora che di artigianato” e propone anche quest’anno un’originale selezione di 100 testimoni della più alta tradizione artigiana, con un focus particolare sulle generazioni emergenti, selezionate fra Italia e Europa. Un viaggio inedito tra i protagonisti della cultura artigiana di ieri e di oggi – parlando sempre di artigiani e artidesigner – lungo un percorso che si snoda tra le Limonaie del Giardino rinascimentale e alcuni ambienti del Palazzo che, animato da mostre, installazioni, laboratori, eventi, offre spunti di riflessione sul ruolo dell’artigiano nella società contemporanea.

Per rendere concreto l’impegno di avvicinare i più giovani ai mestieri artigiani e per festeggiare la decima edizione di “Blogs & Crafts i giovani artigiani e il web” Artigianato e Palazzo ha siglato, quest’anno, un accordo con Métiers d’Excellence LVMH che prevede l’ingresso libero ai giovani under 25 con la possibilità di partecipare a dimostrazioni, workshop e piccoli laboratori proposti da Dior, Louis Vuitton, Thélios ed altre Maison che fanno capo al Gruppo LVHM, alla scoperta dei tanti aspetti del creare artigiano. A questo si aggiunge la rinnovata collaborazione con World Crafts Council Europe per realizzare il concorso “BLOGS & CRAFTS Europe” rivolto ad artigiani under 35, giovani, influencer e talent, invitati e ospitati a Firenze per dar a loro l’opportunità di presentarsi al grande pubblico.

A favore del Terzo Settore, il progetto “L’artigianato che unisce, l’artigianato che include” – promosso dall’Associazione Giardino Corsini con il sostegno dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese – al fine di favorire sinergie tra quanti hanno scelto l’artigianato come opportunità di inclusione, attraverso corsi di formazione, incontri, azioni di commercializzazione e promozione delle loro competenze e lavori.

“Fa parte di questo progetto anche un programma di “conversazioni” e di incontri a tema sul rapporto tra forma artistica/disabilità organizzati nei tre giorni della Mostra per lanciare un appello affinché si investa nella formazione e nella promozione del lavoro artigianale per l’avvio di un progetto di inserimento nel mondo del lavoro”, spiegano Sabina Corsini e Neri Torrigiani.

Ma “Nell’“Anno Europeo delle competenze” – aggiungono – “in questi tre giorni di mostra, desideriamo aprire anche un confronto sul tema dell’apprendimento cooperando con le parti sociali e le imprese. Un processo spalmabile lungo tutto l’arco della vita, decisivo per la crescita delle competenze individuali, per l’economia in generale e per garantire che i mestieri artigiani siano adeguati alle esigenze del mercato.”.

Dedicato agli appassionati della cultura gastronomica “Ricette di Famiglia” quest’anno si avvale della collaborazione con la Università della Cucina, la creatività di Fornasetti e l’esperienza di Inox Metal. Gli appuntamenti, in occasione del centenario dalla nascita di Maria Callas, sono dedicati al tema “Cucina all’Opera: la Lirica a Ricette di Famiglia” con interpreti di eccezioni: Rajna Kabaivanska, soprano; Cecilia Gasdia, Sovrintendente della Fondazione Arena di Verona e soprano; Eufemia Tufano mezzosoprano, e Vito Priante, baritono, che condivideranno con il pubblico le loro esperienze e le loro storie.

Tra gli appuntamenti che arricchiscono la nuova edizione: “Firenze Capitale del Restauro” in collaborazione con la Camera di Commercio di Firenze, il ciclo di seminari “Profumi a scena aperta. Dietro le quinte della profumeria artigiana”, la presentazione del libro “Design e artigianalità avanzata” di Gabriele Goretti, per finire con l’allestimento “La dodicesima notte (o quel che volete)” a cura del Laboratorio d’Arte del Teatro della Pergola che allestisce la Loggia del Buontalenti in maniera spettacolare.