Home CRONACA Il questore Auriemma ha presentato il calendario della Polizia edizione 2024 realizzato...

Il questore Auriemma ha presentato il calendario della Polizia edizione 2024 realizzato da Massimo Sestini

admin
346
0

Il Questore Maurizio Auriemma ha presento a Firenze il calendario 2024 della Polizia di Stato con gli scatti di Massimo Sestini

Anche quest’anno è arrivato sulle scrivanie di via Zara il fantastico calendario 2024 della Polizia di Stato,  realizzato dal fotografo professionista Massimo Sestini.

Ad arricchire le storiche pareti della Questura sono già presenti diverse opere del noto artista che con i suoi scatti ha spesso omaggiato, nel corso degli anni, la Polizia di Stato fiorentina.

“Il viaggio lungo la straordinaria bellezza del nostro Paese con le immagini della dedizione e della passione delle donne e degli uomini in divisa” ha detto il questore nella presentazione fiorentina.

È questa la chiave di lettura del nuovo calendario della Polizia di Stato, come ha sottolineato il Capo della Polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza – Vittorio Pisani nella lettera che introduce il Calendario 2024.

Dodici immagini catturate da Massimo Sestini, maestro della fotografia di fama internazionale, che ha saputo interpretare e combinare al meglio il fascino dei nostri territori con i valori che caratterizzano l’agire quotidiano dei poliziotti al servizio dei cittadini.

Come ha sottolineato l’autore “…per la stima infinita verso l’attività dei nostri agenti, ho scelto di coglierli al lavoro in alcune delle migliori cornici del Paese, sia paesaggistiche sia umane. Nel 2024, affacciamoci quindi tutti insieme con la Polizia di Stato su questi scorci italiani e godiamo del panorama”.

Dal disegno architettonico della Galleria liberty di Milano ad uno scorcio suggestivo di Napoli; dallo zampillare della fontana di Villa d’Este a Tivoli a piazza Unità d’Italia a Trieste; dai Quattro Canti di Palermo alla splendida Matera.

Un viaggio di 12 mesi tra le meraviglie d’Italia, in compagnia delle donne e degli uomini della Polizia di Stato.