Home Focus Moda, Emilio Pucci conferma il trasferimento a Milano

Moda, Emilio Pucci conferma il trasferimento a Milano

646
0

Emilio Pucci ha ribadito che, ad oggi, non sussistono le condizioni per rivedere la decisione dello spostamento dell’attività dell’azienda su Milano. Lo ha comunicato un rappresentante dalla maison, oggi, al consigliere per il lavoro dei presidente della Regione Toscana, Gianfranco Simoncini, in un incontro a cui hanno partecipato anche l’assessore al lavoro del Comune di Firenze Federico Gianassi e il consigliere comunale Luca Milani. Nella sede fiorentina oggi sono impiegate 46 persone.

Al rappresentante dell’azienda è stato chiesto di rivedere la decisione di concentrare su Milano l’attività fino ad oggi svolta nella storica sede fiorentina – ovvero stile, merchandising, comunicazione, ufficio legale – dove sono impiegate 46 persone. Tutto questo anche in relazione al prestigio di un marchio che è indissolubilmente legato al capoluogo toscano. Il consigliere Simoncini ha inoltre auspicato un confronto più disteso con le organizzazioni sindacali, nello spirito che contrassegna il sistema di relazioni sindacali del gruppo LVMH di cui Emilio Pucci è parte, e che si possa anche superare il vincolo stringente dato ai lavoratori (30 novembre). Il rappresentante dell’azienda ha ribadito che, ad oggi, non sussistono le condizioni per rivedere la decisione dello spostamento dell’attività su Milano.

L’azienda ha fatto presente di star lavorando per la valorizzazione della sede fiorentina di Palazzo Pucci, che diventerebbe sede di attività formative e culturali ad alto livello. Invitando nuovamente alla riapertura di un pieno confronto sindacale, Simoncini, ribadendo comunque la richiesta di una riflessione sulla decisione dello spostamento, “ha preso atto con interesse dell’ipotesi di valorizzazione – si legge in una nota – auspicando un approfondimento dei termini di questa proposta. Il rappresentante dell’azienda si è detto disponibile a verificare la disponibilità del Ceo del gruppo Lvmh a consentire tempi più lunghi del confronto con i lavoratori”.emilio-pucci-vintage

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here