Home Magazine BCC toscane, sistema solido e indici patrimoniali di assoluta tranquillità

BCC toscane, sistema solido e indici patrimoniali di assoluta tranquillità

Redazione
485
0

Un sistema solido che, nonostante il perdurante periodo di difficoltà economica, non ha mai smesso di sostenere il territorio di competenza. È questo il quadro che emerge dal bilancio 2016 della Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo, l’organismo associativo regionale delle BCC, alle quali fornisce servizi di rappresentanza, assistenza, consulenza tecnica e formazione. 

Il documento, relativo ai dati dell’aggregato delle 16 banche di credito cooperativo che al 31 dicembre scorso facevano parte della Federazione, evidenzia come il modello delle Bcc continui a proporre riscontri importanti in Toscana e si dimostri in grado di offrire adeguate garanzie a famiglie ed imprese del territorio. Un dato, questo, confermato dall’incremento del 4,8% dei soci (110.210 al 31/12/2016) e dall’aumento rispetto all’anno precedente del credito alla clientela, giunto ormai a 10,22 miliardi di euro, confermando la vocazione di supporto dell’economia locale,. 

Sul fronte patrimoniale gli indici medi delle Bcc sono di assoluta tranquillità, con un CET1 del 15,4% ed un Total capital ratio del 15,7%. Per quanto riguarda la raccolta diretta, invece, si registra un aumento del 2,04%, per un totale di 12,02 miliardi di euro.

Infine, per quanto riguarda il numero di filiali e dipendenti, al 31/12/2016 si registrano 287 filiali e 2356 dipendenti.

“Nonostante un contesto generale di difficoltà economica – commenta il presidente della federazione Toscana delle Bcc, Matteo Spanò – il nostro è e rimane un sistema bancario apprezzato e ben radicato nel territorio. Siamo la terza realtà del sistema bancario toscano e anche negli anni di crisi, non abbiamo mai smesso di svolgere il nostro dovere di banche delle comunità, sostenendo l’economia locale ed offrendo a famiglie ed imprese un concreto sostegno. Con la prossima riforma del Credito Cooperativo poi, le BCC toscane avranno ancora maggiore capacità di intervento ed è per questo che il nostro impegno è perché sia assicurata l’unità delle BCC della nostra regione, quale condizione per dare ancora più forza alla nostra gente”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui