Home Vetrina 25 aprile. Draghi: “Dovere della memoria riguarda tutti”. Le iniziative dell’Anpi

25 aprile. Draghi: “Dovere della memoria riguarda tutti”. Le iniziative dell’Anpi

69
0
Le consuete celebrazioni all'altare della Patria con le più alte cariche istituzionali dello Stato: Sergio Mattarella, Roberto Fico, Maria Alberti Casellati, Mario Draghi

Il dovere della memoria riguarda tutti. Assistiamo oggi, spesso sgomenti, ai segni evidenti di una progressiva perdita della memoria collettiva dei fatti della resistenza sui cui valori si fondano la Repubblica e la nostra Costituzione. Questa ricorrenza non deve invecchiare e subire usura del tempo. Conoscendo in profondità la storia di fascismo e nazismo saremo più consapevoli dei valori repubblicani e di come sia fondamentale difenderli ogni giorno”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, a margine della visita al Museo storico della Liberazione in via Tasso, in occasione del 25 aprile.

E’ un 25 aprile senza i tradizionali cortei quello che si celebra oggi.

L’ANPI invita “le cittadine e i cittadini a deporre un fiore, alle ore 16, sotto le targhe delle vie e delle piazze dedicate ad antifasciste/i e partigiane/i”. “In questo modo il 25 aprile il Paese si ritroverà riunito intorno a quella straordinaria stagione di lotta per la libertà e la democrazia – sottolinea l’Anpi spiegando -. Un fiore che diverrà una luce accesa sul sacrificio di tante donne e uomini da cui sono nate la Repubblica e la Costituzione”.

Accanto alle “Strade di liberazione” ci sarà una “Staffetta” in streaming sulla pagina Facebook dell’Associazione a partire dalle 10.15 con tanti ospiti: Gianfranco Pagliarulo, Dacia Maraini, Giuliano Montaldo, Eugenio Finardi, Laura Gnocchi, Gad Lerner, Francesco Filippi, Chiara Colombini, Marta Cuscunà.

Anche a Casa Cervi, nella pianura reggiana, a Gattatico, ci sarà una lunga diretta streaming dalle 11 alle 19. Fra gli ospiti il presidente del Consiglio Mario Draghi che invierà un videomessaggio.

La casa dove abitavano i sette fratelli partigiani uccisi dai nazifascisti nel 1943 è diventata un centro di documentazione e il 25 aprile è meta di moltissime persone. Come avvenne l’anno scorso, tuttavia, l’iniziativa si trasferisce totalmente sul web. Fra gli ospiti già annunciati ci sono don Luigi Ciotti, Vauro, Diego Bianchi, la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein.