Home Ultim'ora Ferrero arrestato per bancarotta, le accuse e i reati contestati

Ferrero arrestato per bancarotta, le accuse e i reati contestati

Adnkronos
118
0

Libri contabili sottratti, un furto d’auto denunciato con carteggi. Sono alcuni dei reati contestati a Massimo Ferrero, arrestato per bancarotta. L’ex presidente della Sampdoria, si legge nell’ordinanza, “in esecuzione di un disegno criminoso quale amministratore di fatto della società Ellemme Group Srl dal 7 dicembre 2010 al 23 dicembre 2013” in concorso con il liquidatore della società “sottraevano/distruggevano in tutto o in parte con lo scopo di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto o di recare pregiudizio ai creditori, i libri o le altre scritture contabile, in modo da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio o del movimento degli affari”. 

“In particolare il 13 febbraio 2014 veniva denunciato il furto di un’auto, un’Audi, all’interno della quale vi era custodita una borsa in pelle contenente, tra le altre, tutta la documentazione contabile”, si legge nel capo di imputazione contenuto nell’ordinanza del gip nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Paola. 

Nell’inchiesta, che riguarda il crac di 4 società in Calabria, a vario titolo vengono contestati agli indagati la bancarotta fraudolenta aggravata, false comunicazioni sociali e una serie di reati societari. Nel capo di imputazione si fa riferimento anche al fallimento di altre società, come la Blu Cinematografica Srl, la Blu line srl e la Maestrale Srl. Anche in questi casi a Ferrero e agli altri indagati viene contestato di aver distrutto o sottratto in tutto o in parte i libri e altre scritture contabili della società fallita con la stessa modalità.