Home Vetrina Dal Brasile a Careggi. Finalmente rientrato in Italia Dario Calistri

Dal Brasile a Careggi. Finalmente rientrato in Italia Dario Calistri

admin
708
0

E’ durata un mese esatto l’odissea brasiliana del 25enne Dario Calistri, il fiorentino vittima il 10 dicembre scorso di un pauroso incidente stradale ad Ilheus, nella regione di Bahia, che l’ha ridotto in coma e costretto ad un primo non facile trasferimento fino all’ospedale di Salvador, il capoluogo regionale. Da ieri pomeriggio è finalmente ricoverato nel reparto di neuroanestesia e terapia Intensiva dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi diretto dal dottor Arturo Chieregato.

E’ arrivato grazie ad un volo umanitario di Stato, senza scalo, tra Salvador e Pisa, garantito dall’Airbus A319 con la scritta “Repubblica Italiana” guidato dal comandante Giorgino, uno dei velivoli che garantiscono sia i trasferimenti istituzionali delle alte cariche dello Stato, sia i voli sanitari di carattere umanitario. Nel mese di dicembre sono state 6 le missioni di questo genere assicurate da uno dei servizi di eccellenza garantiti grazie ai piloti dell’Aeronautica militare.

“Stavolta – spiegano Rita e Massimo, mamma e babbo di Dario – è toccato a noi e al nostro Dario. Ed è stata una delle purtroppo non frequenti occasioni in cui possiamo davvero sentirci fieri di essere parte di una civiltà che antepone la vita umana al denaro e che aiuta i suoi componenti anche se privi di mezzi. Abbiamo toccato con mano il significato dell’articolo 32 della Costituzione (La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti). Non abbiamo parole per ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutato. Dario finalmente è qui, grazie a voi. Non lo dimenticheremo”.

Sul volo di Stato oltre a Rita Betti e Massimo Calistri hanno trovato posto Simone, la compagna brasiliana di Dario e la loro piccola Valentina, tre anni di simpatia e agitazione, per aver potuto nuovamente essere vicina al suo amato babbo.L’assistenza in volo è stata garantita, grazie alla Misericordia di Vaglia, dalla dottoressa Caterina Biffoli, medico anestesista rianimatore e al soccorritore di secondo livello Andrea Tarlini che si è occupato della predisposizione e della gestione delle apparecchiature mediche salvavita.

Adesso per Dario si profila un lungo periodo di degenza, per stabilizzarne definitivamente le condizioni. I medici sono fiduciosi sulle possibilità di un suo recupero, anche se è presto per dire quali conseguenze ha subito in seguito al pauroso volo che è costato la vita a Juliana Santos de Jesus, 21enne brasiliana, e ha causato gravi ferite anche all’altro amico brasiliano Sergio Mendes do Santos, anche loro sull’auto incidentata. Più che le condizioni neurologiche, al momento preoccupano le numerose fratture che Dario ha riportato al volto e che renderanno necessari alcuni interventi di chirurgia maxillo facciale.

Mentre i sanitari italiani si occupano della sua salute, i suoi amici stanno organizzando una grande festa per il suo rientro guidati dall’AssociazioneGabriele Borgogni onlus” che si sta occupando di tutti gli aspetti organizzativi. L’appuntamento per tutti è per mercoledì 23 gennaio alle 21 all’Obihall (ex Teatro tenda) di Firenze dove circa trenta artisti, fiorentini e non, hanno dato la loro disponibilità ad esibirsi gratuitamente per lui.

La serata si chiama “Uniti per Dario” ed è il modo con il quale amici e familiari intendono ringraziare tutti coloro che hanno fatto in modo che potesse rientrare in Italia. Per lui, per garantire il pagamento delle spese di trasporto e assistenza, sono stati raccolti finora circa 66.000 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui