Home Starbene / Gusto Tempo d’estate, alle Rampe riapre ‘The Lodge’

Tempo d’estate, alle Rampe riapre ‘The Lodge’

admin
131
0

di Elisabetta Failla

Un luogo incantevole dove una volta c’era un piccolo chalet ottocentesco pensato e realizzato dall’architetto Poggi durante la riqualificazione di Firenze Capitale. Da qui si può ammirare un panorama incantevole sul centro storico della città.

In questo luogo torna per il secondo anno The Lodge Club, il locale che ancora una volta mostra la sua unicità anche grazie alla suddivisione in tre aree diverse fra loro ma allo steso tempo connesse: Jungle per aperitivi e lounge e il momento del clubbing serale, che ogni sera prende vita in tutto il locale. Un’idea nuova e vincente che unice l’aperitivo, la cena e il dopocena. The Lodge è ciò che mancava nel mondo delle ristorazione e nightlife estiva fiorentina ed ha il merito di aver valorizzato e riportato in vita un ambiente che era abbandonato da tantissimi anni. Un locale innovativo che punta alla qualità. Grazie quindi alla caparbietà e alla passione di tre imprenditori, Lorenzo Segre, Tommaso Corsini e Niccolò Manetti che hanno creduto ed investito in questo luogo rendendolo un punto di riferimento importante e piacevole sia per i fiorentini chee per i turisti.

La ristorazione è affidata allo chef Rocco Loisi, classe ’87, che ha creato piatti dove la tradizione italiana si unisce alla cucina internazionale con uno stile e un gusto davvero piacevole e insospettabile. Ecco così alternarsi nel menù antipasti come l’Astice blu con chutney di mango, indivia e pesca bianca o il Ceviche misto con ricciola, gamberi, polpo e capasanta, fino alla Tartare di angus con bottarga d’uovo e tartufo. Tra i primi spiccano gli Spaghetti alla trilogia di pomodori, la Fregula valenciana con calamaretti, cozze, fasolari e cannolicchi, fino al Risotto Imperatore all’astice blu sfumato allo champagne e scaglie d’oro. I secondi vedono invece la Milanese classica con brunoise di pomodori & acciugata, il Tomahawk con chimichurri, chipotle e pico de gallo, fino al Polpo CBT scottato alla piastra con patate, avocado e salsa tzatziki. In accompagnamento alle portate, una selezione di bollicine italiane e francesi che non ha pari, in città.

E se il menù del The Lodge Club dedica una sezione particolare alla cucina giapponese – uramaki, nigiri, sashimi e tataki, serviti con abbinamenti fuori dagli schemi Nell’area Jungle, invece, largo alle pizze e focacce preparate con impasti innovativi e ingredienti particolari abbinati a bollicine e signature cocktail. Caratteristica comune è un menù che riduce al minimo gli sprechi e punta ad utilizzare completamente ogni materia prima che si introduce nei laboratori di cucina del ristorante.  il locale, poi, è stato realizzato con moderne tecnologie per renderlo interamente green. Dall’impianto di smaltimento che rilascia solo acque chiare, all’utilizzo di materiali pregiati per abbattere l’uso di plastiche e materiali non riciclabili, tutto è stato pianificato per ottimizzare lo smaltimento e il consumo d’energia.

Da non perdere l’intrattenimento live, con cocktail e lounge bar, dal pomeriggio a tarda sera. “Abbiamo pensato a un locale dal gusto e design internazionali – spiegano i titolari della struttura – dove è possibile gustare una cena fusion con vista su Firenze o godersi la serata ascoltando buona musica e sorseggiando un drink in un luogo ricco d’atmosfera”. Non a caso, infatti, il The Lodge Club è stato progettato ricercando un parallelo con le origini, con richiami al Poggi e alle Rampe, dando vita a una fusione di stili provenienti da tutto il mondo, a simboleggiare l’unione di culture e design, condito da uno straordinario gioco architettonico di light design. Nel corso dell’estate verranno annunciati i protagonisti del calendario di appuntamenti che animeranno The Lodge Club fino a settembre inoltrato.

Aperture: The Lodge Club: dal lunedì al sabato, dalle 19 alle 02; Jungle: dal martedì alla domenica, dalle 17 alle 01; per prenotazioni: booking@thelodgeclub.com o 347.6631534