Home STARBENE / GUSTO ‘PrimAnteprima’ apre la settimana delle Anteprime di Toscana

‘PrimAnteprima’ apre la settimana delle Anteprime di Toscana

admin
234
0

di Elisabetta Failla

58 indicazioni geografiche riconosciute, di cui 52 DOP (11 DOCG e 41 DOC) e 6 IGT che che rappresentano la quasi totalità della superficie vitata toscana: nel 2023, in un panorama internazionale che vede al ribasso le superfici interessate, si conferma la tenuta del vigneto toscano, sfiorando i 61mila ettari, di cui il 95,7% destinato a vini a denominazione, rispetto a una media nazionale che arriva al 65%. Di questi, quasi il 60% (36mila Ha) hanno usufruito della misura OCM Vino – Ristrutturazione e Riconversione, in vigore da 23 anni. Anche in questo la Toscana è sopra la media nazionale che si attesta al 50%. L’importante ricorso regionale alla misura emerge anche analizzando l’età media del vigneto che per il 55% ha meno di venti anni. Sopra la media anche il biologico che coinvolge il 38% della superficie vitata, contro il 20% su base nazionale. Sul fronte dei consumi nazionali, con particolare riferimento alla grande distribuzione, si registrano leggeri cambiamenti sull’identikit di chi acquista vino toscano. Emerge, infatti, un maggior apprezzamento nella fascia dei giovani prefamily (+3% rispetto al 2022 e +11% rispetto al pre-Covid) e un recupero tra le famiglie con figli piccoli (+6% rispetto all’anno precedente). I maggiori acquirenti – il 68% – restano gli over 60 con reddito medio-alto, residenti nel Centro Nord*. Dati significativi in uno scenario complessivo, a livello globale, fatto di luci e ombre per il comparto vino.

E su questi dati, sulle tendenze e sulle prospettive di produzione enologica toscana mercoledì 14 febbraio a Firenze saranno al centro di PrimAnteprima, la tradizionale giornata che apre la Settimana delle Anteprime dei vini di Toscana, in cui le nuove annate si presentano al mondo della stampa e dei wine lovers. PrimAnteprima è promossa da Regione Toscana insieme a Camera di Commercio di Firenze e organizzati da PromoFirenze. Il coordinamento della comunicazione, l’ufficio stampa e i social, sono curati da Fondazione Sistema Toscana.

Dalle ore 16, infatti, partirà il Workshop di Inaugurazione, evento ad invito dedicato alla stampa specializzata ospitato quest’anno dalla Camera di Commercio di Firenze (p.zza Mentana, 1). L’evento – moderato da Nicola Prudente, in arte Tinto, voce e volto Raioffrirà uno spaccato su mercati, export e sfide del settore. Ad aprire la giornata gli interventi di Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana, Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze, Massimo Manetti, presidente di PromoFirenze e Francesco Palumbo, direttore di Fondazione Sistema Toscana.

A seguire il report realizzato da ISMEA presentato da Fabio Del Bravo, dirigente Direzione Filiere e Analisi dei Mercati di ISMEA, nel quale si descrivono le caratteristiche strutturali del settore vitivinicolo toscano, nonché l’andamento dei vini sui mercati italiano ed estero. Una situazione globale che al momento si presenta sfidante, con una produzione in calo e il ridimensionamento di alcuni mercati consolidati. Di questo parlerà in particolare Carlo Flamini, Direttore Osservatorio del Vino di UIV – Unione Italiana Vini, concentrandosi in particolare sul caso USA.

Altre sfide quelle dettate dal clima, con stagioni segnate da eventi atmosferici straordinari e andamenti che inevitabilmente influenzano la produzione: ne darà un quadro Bernardo Gozzini, Amministratore unico del Consorzio LaMMA. Chiude la tavola rotonda l’intervista alla vicepresidente e assessora all’agro-alimentare della Regione Toscana, Stefania Saccardi.

Sarà poi la stessa Stefania Saccardi, insieme al presidente di ASET – Associazione Stampa Enogastroalimentare della Toscana Leonardo Tozzi a consegnare poi il Premio Kyle Phillips, intitolato al giornalista prematuramente scomparso e ogni anno assegnato dall’Associazione a un collega che abbia incarnato l’approccio di franchezza, curiosità professionale, mancanza di pregiudizi e serenità di giudizio.

La Settimana delle Anteprime proseguirà con le altre manifestazioni curate direttamente dai Consorzi.

Sebbene le anteprime dei vini toscani inizino ufficialmente il 14 febbraio, il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano dal 10 al 12 febbraio ha già fatto degustare agli appassionati, nella Fortezza e nell’Enoliteca, le nuove annate in commercio, il Vino Nobile di Montepulciano 2021 e la   Riserva 2020. Il prossimo 17 febbraio, invece, sarà dedicato solo alla stampa accreditata con la proclamazione delle stelle (il rating all’annata con un giudizio da 1 a 5 stelle) per la vendemmia 2021 in commercio da quest’anno.

Si prosegue poi il 15 e 16 febbraio con la 31° edizione della Chianti Classico Collection, sempre alla Stazione Leopolda. Un’occasione davvero particolare perché quest’anno il Consorzio Vino Chianti Classico festeggia il Centenario della sua formazione. La manifestazione sarà caratterizzata da una grafica particolare: un collage di polaroid che testimoniano e ripercorrono l’attività del Consorzio negli anni, immortalando alcuni dei momenti salienti della sua storia, ma anche eventi e degustazioni, e persone che hanno contribuito a idearle e realizzarle.

L’Anteprima del Chianti Classico, nata nel 1993, segna quest’anno un nuovo primato nel numero di produttori partecipanti: sono infatti ben 211 le aziende del Gallo Nero che presenteranno circa 773 etichette in degustazione, di cui 172 Chianti Classico Riserva, 151 Gran Selezione. 36 i campioni in anteprima della vendemmia 2023

Un’altra importante novità di quest’anno è la possibilità per tutti gli ospiti della manifestazione di portare a casa alcuni dei Chianti Classico degustati. Nella giornata di venerdì è infatti prevista la vendita al pubblico di una selezione delle etichette presentate nell’ambito della Leopolda (1 etichetta per azienda partecipante).

Partner della manifestazione anche quest’anno importanti nomi dell’enogastronomia italiana, come alcuni dei migliori prodotti DOP e IGP: Parmigiano Reggiano DOP , Pomodoro di Pachino IGP, Aceto Balsamico di Modena IGP, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, Oliva La Bella Della Daunia DOP, Mozzarella di Bufala Campana DOP, Gorgonzola DOP, Arancia Rossa di Sicilia IGP e Pecorino Toscano DOP.

Infine, per celebrare il Centenario, sarà presentata in anteprima la mostra “Chianti Classico Century” che ripercorre i primi cento anni del Consorzio attraverso il pensiero dei suoi Presidenti. Il Centenario del Consorzio sarà infatti un’occasione di racconto corale, cui si uniscono anche le voci dei suoi soci, che si presenteranno in brevi reel sui social media durante tutto il 2024, per unire un volto e una storia personale a ciascuna etichetta. Alcuni di questi video saranno proiettati anche all’interno del foyer della Leopolda, un omaggio alla vera anima del Consorzio: i suoi produttori.

Il 18 febbraio prossimo, presso il Padiglione Cavaniglia della Fortezza da Basso, avrà luogo Chianti Lovers & Rosso Morellino – Anteprima 2024, in programma il 18 febbraio presso il padiglione Cavaniglia della Fortezza da Basso di Firenze. Un’intera giornata di degustazioni nella quale verranno allestite più aree espositive e tecniche.
Saranno presenti oltre 200 etichette di Chianti e Morellino di cui la metà saranno nuove annate offerte in anteprima ai Chianti Lovers da oltre 100 aziende.

Orari: per il pubblico: dalle 16:00 alle 21:00 con biglietto,
per gli operatori dalle 9:30 alle 21:00 (solo area espositiva Padiglione Cavaniglia) mentre per i giornalisti dalle 9:00 alle 18:00 (sala stampa con servizio sommelier) e dalle 9:00 alle 21:00 (area espositiva Padiglione Cavaniglia).

Il giorno dopo, 19 febbraio, sarà la volta de L’Altra Toscana, che presenterà le nuove annate a giornalisti e operatori del settore al Palazzo degli Affari di Firenze (piazza Adua, 1).  In degustazione i vini delle DOP e IGP: Maremma Toscana, Montecucco e Montecucco Sangiovese, Orcia, Cortona, Valdarno di Sopra, Terre di Pisa, Chianti Rufina, Terre di Casole, Grance Senesi, Montescudaio, Suvereto, Val di Cornia e Rosso della Val di Cornia, Carmignano, Barco Reale di Carmignano e Vin Santo di Carmignano e Toscana. L’evento è promosso dall’Associazione L’Altra Toscana che raggruppa quattordici Consorzi per un totale di imbottigliato che corrisponde al 40% dell’intera produzione toscana.

Protagonisti della giornata saranno tutti questi territori più “nascosti”, dove la vite si coltiva da secoli. Novità di quest’anno cinque percorsi tematici per facilitare l’assaggio: i vini bianchi, il Sangiovese, i vini prodotti con un blend con un’alta percentuale di Sangiovese, i vitigni internazionali e, infine, i vitigni autoctoni.

“Con la strategia dell’unione – che si è rivelata vincente nelle passate edizioni di questa Anteprima – vogliamo far emergere – in tutto il loro valore – le innumerevoli diversità che ci caratterizzano” – spiega Francesco Mazzei alla guida della Associazione L’Altra Toscana e presidente del Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana – “L’obiettivo è proprio quello di promuovere territori e vini contraddistinti da punte di qualità sempre più alte che vanno ad arricchire l’offerta vinicola di una delle regioni enologiche più affermate, che ha molto ancora da svelare.”

Nel pomeriggio, alle 15 si terrà una conferenza stampa sulle modifiche al disciplinare e la degustazione condotta da Daniele Cernilli, direttore responsabile della testata giornalistica Doctor Wine, dedicata ai vini con menzione “Vigna” Valdarno di Sopra Doc.
Ingressi: 9.00 – 19.00 Ingresso solo su prenotazione / dalle 9 alle 14 riservato ai giornalisti

Per la prima volta non ci sarà l’anteprima della Vernaccia di San Gimignano. Il Consorzio ha deciso di posticipare la presentazione delle nuove annate a maggio durante il “Regina Ribelle – Vernaccia di San Gimignano Wine Fest” che avrà luogo giovedì 16 e venerdì 17 maggio 2024 per i giornalisti e nel weekend del 18 e 19 maggio al pubblico, con i desk dei produttori dislocati nelle piazze cittadine e attività mirate all’assaggio e alla conoscenza della Vernaccia di San Gimignano – Regina Bianca.

Regina Ribelle Wine Fest vuole rappresentare l’evento di riferimento per la Vernaccia di San Gimignano, con l’obiettivo di raccontare la denominazione stessa e tutto il suo territorio a 360 gradi. – ha spiegato Irina Strozzi, presidente del Consorzio – La scelta della primavera inoltrata ricade nella volontà di presentare le Vernacce di San Gimignano d’annata non più in febbraio in occasione delle Anteprime di Toscana, ma in un periodo in cui sono al meglio della loro espressione e potenziale. In aggiunta a ciò, la volontà è quella di far vivere anche il territorio nella maniera più completa possibile. Sarà un evento di respiro molto ampio, che vuole, oltretutto, ricordare la candidatura della stessa città di San Gimignano a città europea del vino, una città che parla di vino con la sua Vernaccia di San Gimignano fin dal 1276” novità.