Home Magazine A Castiglione della Pescaia la 2/a Festa del Cinema di Mare

A Castiglione della Pescaia la 2/a Festa del Cinema di Mare

565
0

di Elisabetta Failla

Presentazione di Festa del Cinema di Mare
Presentazione di Festa del Cinema di Mare

Quattro giorni di film, documentari, incontri, letture e concerti per un viaggio tra bagnini da riviera, regate in solitario, tempeste perfette, atolli incontaminati e incursioni sui mari glaciali, dalle acque dei tropici agli ombrelloni della Versilia. Sarà questa la Festa del Cinema di Mare, presentata oggi a Firenze, la seconda edizione della rassegna dedicata al più affascinante degli elementi che si terrà dal 7 al 10 settembre a Castiglione della Pescaia (Grosseto), tra il cinema Castello, il Club Velico, la biblioteca Italo Calvino e tanti spazi della città. Tra gli eventi la prima italiana di “Breath in” (Norvegia, 2017), il documentario firmato dalla campionessa mondiale di kite surf Kari Schibevaag, ospite del festival, che segue la sua avventura tra i paesaggi mozzafiato delle isole Svalbard. Da segnalare anche “Bagnanti e Bagnini” (Italia, 2017), un ritratto delle figure che popolano le spiagge italiane (da Rimini a Viareggio fino a Fregene e Ostia), presentato in sala dall’autore Fabrio Paleari, e la storia del Bisso, la rara “seta di mare” raccontata da Rossana Cingolani nel suo doc “Il filo dell’acqua” (Italia, 2013), una tradizione risalente alle vesti dei faraoni che in Italia viene perpetrata da una donna, nelle acque della Sardegna.

In programma anche la proiezione dei tre corti finalisti del premio cinematografico “Mauro Mancini”, intitolato alla memoria del giornalista toscano, storica firma de La Nazione: il riconoscimento andrà alla miglior opera sul tema del rapporto tra uomo e navigazione.

Quattro giorni di film, documentari, incontri, letture e concerti per un viaggio tra bagnini da riviera, regate in solitario, tempeste perfette, atolli incontaminati e incursioni sui mari glaciali, dalle acque dei tropici agli ombrelloni della Versilia. Sarà questa la Festa del Cinema di Mare, la seconda edizione della rassegna dedicata al più affascinante degli elementi che si terrà dal 7 al 10 settembre a Castiglione della Pescaia (Grosseto), tra il cinema Castello, il Club Velico, la biblioteca Italo Calvino e tanti spazi della città.

In programma proiezioni, dibattiti, musica e reading sotto le stelle pellicole in anteprima, titoli premiati nei festival di tutto il mondo e una madrina d’eccezione: l’attrice e cantante Mariangela D’Abbraccio. Da non perdere la prima italiana di “Breath in”, documentario firmato dalla campionessa mondiale di kitesurf Kari Schibevaag che segue la sua straordinaria avventura tra i paesaggi mozzafiato delle isole Svalbard, “Bagnini e bagnanti” di Fabio Paleari, ritratto intimo e divertente delle figure mitologiche che popolano le spiagge italiane, sul grande schermo in esclusiva regionale, e la lettura notturna del Moby Dick di Melville su barche da pesca con protagonista l’attore Francesco Chiantese. La manifestazione sarà anche teatro della premiazione del concorso per cortometraggi “Mauro Mancini”, alla migliore opera sul rapporto tra uomo e navigazione.

Raccontando la genesi della Festa, il curatore Claudio Carabba spiega: “Il porto di Castiglione della Pescaia ci ha subito ricordato il giornalista Mauro Mancini, storica firma de La Nazione che qui teneva la sua barca e che un giorno maledetto del 1978 partì insieme a Ambrogio Fogar per scoprire l’oceano argentino più freddo e pericoloso ma non tornò mai più. Così l’anno scorso organizzammo un memorial, una festa che fosse anche un ricordo, con un dibattito al Club Velico a cui sono intervenuti amici di Mauro ed esperti di mare, e poi incontri, letture e proiezioni. Quest’anno, come ci eravamo ripromessi a settembre 2016, torniamo con una struttura più ambiziosa e complessa: quattro giorni di festival con un programma ampio e pensato con passione”.

La Festa del Cinema di Mare, a cura di Claudio Carabba, è promossa da Quelli dell’Alfieri e Comune di Castiglione della Pescaia con la collaborazione di Quelli della Compagnia, Club Velico Castiglione della Pescaia, Festival dei Popoli, Clorofilla Film Festival, RRD Roberto Ricci Designs, associazione culturale Kansassìti e Acot.

Ci sarà spazio anche per musica con il concerto inaugurale dell’Orchestra Città di Grosseto, diretta da Paolo Biancalana con Davide Vallini al sax solista il 7 settembre e con “Due canzoni di mare”, una breve esibizione che vedrà protagonista alla voce Mariangela D’Abbraccio, accompagnata da Luca Pirozzi alla chitarra e Raffaele Toninelli al contrabbasso il 9 settembre. Per tutti gli amanti della letteratura e del capolavoro di Melville che ha fatto sognare grandi e piccini per generazioni è stata pensata invece una lettura sotto le stelle di “Moby Dick”: su un peschereccio ancorato al molo di ponente, per tutta la notte l’attore Francesco Chiantese proporrà al pubblico estratti dalle avventure del capitano Achab, con caffè e cornetti per tutti nelle pause.

Mauro Mancini
Mauro Mancini

In programma anche la proiezione dei quattro corti finalisti del premio cinematografico “Mauro Mancini”, riconoscimento intitolato alla memoria del giornalista toscano che sarà assegnato alla miglior opera sul tema del rapporto tra uomo e navigazione. Il lavoro vincitore, a cui andrà una somma di 1000€ oltre alla possibilità di una proiezione autunnale al cinema La Compagnia di Firenze, sarà selezionato da una giuria di professionisti del settore tra cui critico cinematografico e curatore della manifestazione Claudio Carabba, il direttore del Festival dei Popoli Alberto Lastrucci, la direttrice del Clorofilla Film Festival Simonetta Grechi e il direttore sportivo del Club Velico di Castiglione della Pescaia Michele Tognozzi. In gara “The Water-Gazers” di Alberto Bougleux (Spagna, 2017, 14’), “Cargo” di Vincenzo Mineo (Italia, 2015, 10’), “Ho freddo” di Laura di Pietro e Paolo Damiani (Italia, 2015, 8’) e “Moby Dick” di Nicola Sorcinelli (Italia, 2017, 13’). Premiazione in programma per sabato 9 settembre alle ore 21.00, presentata da Claudio Carabba e Mariangela D’Abbraccio.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here