Home CRONACA Firenze / All’uomo salito sulla statua di Ercole e Caco daspo urbano...

Firenze / All’uomo salito sulla statua di Ercole e Caco daspo urbano di 2 anni

Lorenzo Ottanelli
280
0
nudo ercole e caco

Vaclav Pisvejc, l’uomo salito completamente nudo sulla statua di Ercole e Caco domenica durante Corri la Vita, è stato scarcerato. Il giudice ha accolto alcune delle osservazioni del legale che lo rappresenta e per questo ha ora l’obbligo di firma. Tuttavia, il Questore di Firenze Auriemma ha oggi disposto un Daspo Urbano di 2 anni. Sarà, infatti, per lui impossibile accedere e sostare in alcune aree del centro storico fiorentino.

IL FATTO

Sale completamente nudo sulla statua di Ercole e Caco in piazza Signoria. Lo fa nella mattina di domenica 24 settembre, durante Corri La Vita. La statua è stata danneggiata.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Welcome To Florence (@welcome_to_florence)

Pronto l’intervento di Polizia Municipale e Carabinieri, che hanno fatto scendere l’uomo dal monumento. L’uomo si è già macchiato di simili eventi, anche a danno di altre opere d’arte della città. Si tratta di Vaclav Pisvejc, il provocatore che spacco in testa a Marina Abramovic una tela.

I tecnici delle Belle Arti del Comune hanno verificato, attraverso un sopralluogo, i danni fatti dall’uomo nudo al monumento di Ercole e Caco recentemente restaurato. Dal rilievo sono emersi alcuni danni al marmo del basamento e della statua e il distacco dello stucco utilizzato durante il restauro per sigillare alcune fessure.

Musica / Il Cile si racconta con “Ero troppo fatto” | La Gazzetta di Firenze

Sarà necessario, adesso, ripetere il trattamento eseguito durante il restauro per garantire la conservazione della statua.

Duro il commento del sindaco Dario Nardella: “Ancora una volta il solito guastatore e imbrattatore seriale, già noto alle forze dell’ordine, ha pensato bene di esibirsi nuovamente in piazza Signoria danneggiando la statua di Ercole e Caco e commettendo un gesto gravissimo. Ringrazio la Polizia Municipale e i carabinieri per l’immediato intervento”.

Matteo Messina Denaro è morto | La Gazzetta di Firenze