Home Starbene / Gusto Il brunch della domenica all’hotel Helvetia&Bristol

Il brunch della domenica all’hotel Helvetia&Bristol

346
0
PRESSPHOTO Helvetia Bristol. Nella foto Giuseppe Cabras/New Pressphoto

di Elisabetta Failla

Starhotels_Helvetia_Bristol_Firenze_External_ViewMetti una domenica a passeggiare in centro di Firenze alla scoperta delle  bellezze artistiche di questa sorprendente città che non smette mai di stupire gli stessi fiorentini e non solo. Una città divisa fra il suo passato rinascimentale e il nuovo che avanza e che la sta trasformando in una delle capitali dell’arte contemporanea.

Da non perdere, infatti, la mostra Bill Viola. Rinascimento Elettronico a Palazzo Strozzi che celebra il maestro indiscusso della videoarte contemporanea attraverso opere della sua produzione dagli anni ‘70 a oggi. Un’esposizione dal taglio sicuramente innovativo ma decisamente interessante.

E proprio a due passi da Palazzo Strozzi vi consigliamo di non perdere il brunch all’hotel Helvetia&Bristol in via dei Pescioni, struttura entrata a far parte nel luglio del 2016 di Starhotel Collezione del Gruppo Starhotel che, con 29 alberghi 4 e 5 stelle situati nel cuore delle migliori destinazioni d’Italia e del mondo, si propone come sinonimo dell’eccellenza dell’ospitalità italiana.

 “Brunch – Authentic taste of Florence” propone tutte le domeniche dalle 12 alle 15.30 la propria versione del rito contemporaneo ed internazionale del brunch, reinterpretato in chiave autentica e territoriale.

BRUNCH HELVETIA & BRISTOL (14)Il brunch rappresenta una nuova imperdibile occasione di rilassata convivialità domenicale, negli ambienti raffinati dell’hotel che vive una nuova maturità gastronomica grazie alla creatività dello Chef Samuele Melani.

Toscano, 37anni, Samuele Melani ha una lunga esperienza alle spalle anche perché a sua volta figlio di ristoratori. L’aria di cucina, insomma, l’ha respirata fin da piccolo. In seguito ha lavorato presso alcuni alberghi importanti come il Richmond in Svizzera o l’hotel Pitrizza a Porto Cervo e l’Alpen Suit Hotel a Madonna di Campiglio. Da non dimenticare le sue esperienze presso il ristorante El Toulà a Cortina d’Ampezzo e al ristornate Arnolfo di Colle di Val d’Elsa.

Melani è arrivato all’Hostaria Bibendum dell’Helvetia&Bristol lo scorso novembre  con la volontà di offrire ad un pubblico attento e curioso la propria cucina profondamente territoriale e di grande personalità, equilibrata ma mai “tradizionale” in senso classico.

Nell’atmosfera calda di una residenza aristocratica dell’Ottocento, la brigata di cucina presenta ogni domenica buffet tematici “diffusi” in tutte le aree comuni dell’hotel, dal rinnovato Giardino d’Inverno alle sale del ristorante, passando per la lobby dove lo stesso Chef Samuele Melani propone uno show cooking a base di materie prime eccellenti di produttori prevalentemente locali.

il cooking show dello ch
il cooking show dello chef Samuele Melani

Vedere il piatto “nascere” dalle mani dello chef è sicuramente un momento affascinante. Oltre che gustoso per noi che abbiamo assaggiato il cubo di maialino, cavolfiore alla vaniglia, carciofi e arance realizzato davanti ai nostri occhi. Morbida la carne delicato il gusto grazie alle verdure cucinate in modo tale da addolcire il sapore del maiale.

Si inizia con un’accurata selezione di salumi toscani e formaggi della tradizione toscana e italiana e con l’angolo del “crudo” composto da salmone marinato, carpaccio di polpo, tartare di tonno, verdure in pinzimonio e insalate e salse sfiziose.

Per i primi, realizzati con pasta fatta in casa, abbiamo assaggiato i gemelli mantecati con ragoût di agnello alla menta e pecorino, riso carnaroli agli, asparagi, zafferano e liquerizia e la crema di spinaci leggermente piccante.

L'
L’

Materie prime che sembrano non avere niente in comune ma il loro abbinamento è frutto di un’attenta ricerca. Perché la menta rinfresca il palato e ammorbidisce il sapore forte dell’agnello che forse non tutti gradiscono, mentre la liquerizia ben bilancia la dolcezza dell’asparago rendendo il piatto molto equilibrato nel gusto.

“La mia è una cucina per così dire comprensibile – spiega lo chef –bisogna capire tutti gli ingredienti che compongono il piatto che, al tempo, stesso facciano ricordare qualcosa a chi lo sta mangiando. Certi dettagli, come la menta, o la liquerizia sono un po’ una mia firma. Il tocco leggero della mia creatività”.

L’angolo dei secondi comprendeva il maialino da latte, la tagliata di manzo con rucola, pomodorini e basilico e il pesce spada alla griglia in gremolata accompagnati da verdure e patatePiatti della tradizione, appunto, nei quali però si possono sentire la morbidezza della carne e del pesce

Spuma di Vin Santo, castagne e mandorle
Spuma di Vin Santo, castagne e mandorle

Ottimi i dolci: dalla torta mousse cioccolato e nocciole, alla torta di mele, alla mousse a cioccolato e lamponi, alle crostate di frutta. Da non perdere la spuma di Vin Santo, castagne e mandorle e i dolcetti al cioccolato e tabacco.

Ogni settimana una selezione accurata di vini è proposta in abbinamento al menu ed inclusa nel prezzo.

 

 

 

Informazioni, contatti e Prenotazioni:

Helvetia&Bristol – Starhotels Collezione

Via dei Pescioni, 2 – 50123 – Firenze (Italia)

Tel. + 39 055 26651

www.hotelhelvetiabristol.com

reservations.helvetiabristol.fi@starhotels.it

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here