Home Starbene / Gusto Vinitaly, a Verona i vini dall’Italia e dal mondo

Vinitaly, a Verona i vini dall’Italia e dal mondo

370
0

Da domani fino al 12 aprile si terrà Vinitaly, la prima fiera del vino al mondo per superficie espositiva e per numero di operatori esteri. La 51ma edizione si presenta con un’imponente piano di investimenti, maggiore internazionalità, occasioni di business e innovazione digitale – un progetto pluriennale ampio ed articolato – che nel prossimo triennio innoverà profondamente le modalità di “fare fiera”.

Una progettualità mirata, resa possibile dalla trasformazione di Veronafiere in società per azioni e al collegato piano industriale che prevede 94 milioni di euro di investimenti al 2020, volti al miglioramento complessivo delle infrastrutture, alla digital transformation, all’incoming di operatori esteri ed al radicamento nelle aree geo-economiche di USA e Cina, strategiche per il settore wine&food in cui la Fiera di Verona detiene ed organizza rassegne internazionali.

Il Salone si propone quest’anno ancora più internazionale, con una piattaforma b2b che guarda sempre più al mercato, a vantaggio degli operatori, come previsto dal riallineamento programmato nel 2016 per focalizzare il business in fiera e il consumer in città, che ha fatto registrare nella scorsa edizione130 mila presenze, delle quali 49 mila estere tra cui 28 mila buyer specializzati da140 nazioni. Sono 5 mila in nuovi buyer registrati per l’edizione 2017, provenienti in particolare da USA (da una ventina di Stati della confederazione), Cina, Hong Kong, Australia, Canada, Francia, Danimarca, Belgio, Germania, Giappone, Svizzera, Norvegia, Svezia e Russia. Tra questi in aumento gli arrivi previsti anche da Taiwan e Brasile e, nonostante l’imminente Brexit, il Regno Unito aggiunge all’elenco con 400 nuovi operatori del trade.

Un ecosistema complesso e articolato che a Verona trova una sintesi naturale ogni anno per più di 4.270 aziende espositrici, a cui si sommano le oltre 270 di Sol&Agrifood e le 200 di Enolitech. Con il business sempre al centro delle attività previste nei quattro giorni di fiera, nel 2017 il focus commerciale è saldamente puntato sui due grandi mercati di Stati Uniti e Cina, nazioni da cui nell’edizione 2016 si sono registrati notevoli aumenti negli arrivi dei buyer: +130% dal Paese del dragone e +25% dagli Usa.

Dal punto di vista espositivo, confermate le tradizionali aree tematiche del salone: Vinitalybio, sul mondo del biologico certificato, ViViT dedicato ai vini artigianali e VinInternational, spazio che raggruppa la gran parte dei produttori esteri di Vinitaly che incrementano significativamente la loro presenza: Stati Uniti, Francia, Spagna, Sudafrica, Germania, Argentina, Australia sono soltanto alcuni dei 30 Paesi di provenienza, a cui quest’anno si aggiunge il debutto assoluto di Giappone, Andorra e Kosovo.

Torna anche il prestigioso programma di degustazioni della VIA-Vinitaly International Academy e della rassegna Tasting Ex…Press. Da quest’anno, inoltre, al via il progetto sperimentale di innovazione digitale e dei servizi collegati per l’internazionalizzazione delle imprese, come previsto dalle linee del nuovo piano industriale di Veronafiere. L’iniziativa, che coinvolge 3.000 buyer esteri selezionati, è finalizzata a raccogliere informazioni sugli interessi degli operatori del trade in fiera e include diversi servizi digitali per favorire il contatto diretto con gli espositori.

Saranno tantissimi gli eventi che trasformeranno Verona in una vera e propria “città del vino”.  Alla Loggia di Fra’ Giocondo di Piazza dei Signori si degusteranno i migliori vini italiani mentre nel cortile del Mercato Vecchio si esibiranno artisti come Irene Grandi e Joe Bastianich con la sua band. In cima alla Torre dei Lamberti di piazza delle Erbe sarà possibile provare l’emozione di una degustazione panoramica. No mancherà il cibo, ovviamente, con lo streetfood proposto in chiave gourmet dai truck provenienti da tutta Italia. Oggi, sabato, 8 aprile, si terrà Wine Lettering dove l’esperta Silvia Lana insegnerà a realizzare le etichette di vino disegnate a mano. E sempre stasera va in scena la Notte Viola con i negozi che, fino a mezzanotte, ospiteranno eventi dove il vino sarà il protagonista assoluto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here