Home Starbene / Gusto Presentate a Firenze le Guide de L’Espresso, premiato lo chef Bottura: "Ḕ...

Presentate a Firenze le Guide de L’Espresso, premiato lo chef Bottura: "Ḕ la squadra che vince”

1744
0

di Elisabetta Failla

 Presentazione Guide de L'Espresso LA LEOPOLDA RIDSono state presentate questa mattina alla Stazione Leopolda di Firenze Le Guide de L’Espresso 2018: “I ristoranti d’Italia 2018“, curata da Enzo Vizzari e“I vini d’Italia 2018” da Antonio Paolini e Andrea Grignaffini.

Tra le novità della Guida ai ristoranti, che quest’anno compie 40 anni,  l’introduzione dei ‘cappelli d’oro’, attribuiti ai ‘nuovi classici’, ovvero ai ristoranti, in tutto dieci, che hanno contribuito in maniera decisiva a cambiare il volto della cucina italiana: Caino di Montemerano, Colline Ciociare di Acuto, Dal Pescatore di Canneto sull’Oglio, Don Alfonso 1890 di Sant’Agata sui Due Golfi, Enoteca Pinchiorri di Firenze, Lorenzo di Forte dei Marmi, Marchesi alla Scala di Milano, Miramonti l’Altro di Concesio, San Domenico di Imola; Vissani di Baschi. 

Presentazione Guide de L'Espresso 2 RIDSono 5 i ristoranti al vertice della ristorazione italiana secondo la guida 2018 de L’Espresso, giunta alla 40ma edizione, a cui è stato attribuito il punteggio massimo di 5 cappelli su 5, che dall’anno scorso hanno rimpiazzato i classici punteggi. Al top: Casadonna Reale di Castel di Sangro, Le Calandre di Rubano, Osteria Francescana di Modena, Piazza Duomo di Alba, Uliassi di Senigallia.

Inoltre l’Osteria Francescana di Massimo Bottura per il secondo anno consecutivo si è aggiudicata il premio “Miglior pranzo dell’anno”. Lo chef, premiato lo scorso anno come ristorante migliore del mondo, ha detto di prediligere una cucina che pensa a come riciclare una crosta di formaggio. Ha ringraziato tutti i suoi collaboratori dicendo: “Senza questa squadra l’Osteria Francescana non ci sarebbe”.

Sono invece 16 i locali da 4 cappelli: Casa Perbellini di Verona, Da Vittorio di Brusaporto, Dani Maison di Ischia, Del Cambio di Torino, Duomo di Ragusa Ibla, La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri di Roma, St. Hubertus dell’Hotel Rosa Alpina di Badia, Il Pagliaccio di Roma, Krèsios di Telese, La Peca di Lonigo, Lido 84 di Gardone Riviera, Seta dell’Hotel Mandarin Oriental di Milano, Taverna Estia di Brusciano, Villa Crespi di Orta San Giulio. Più, in Slovenia, Hisa Franko di Caporetto. A seguire 40 ristoranti da 3 cappelli, 132 da 2 cappelli, e 457 quelli segnalati con 1 cappello. 

La regione con il maggior numero di cappelli si conferma la Lombardia, con 164, più 3 cappelli d’oro, la seconda è il Veneto a quota 107, e terzo il Piemonte (95). Tra i premi il giovane dell’anno è Davide Caranchini del Materia di Cernobbio, la cuoca dell’anno è Gaia Giordano dello Spazio di Milano. Pemio come ristorante sostenibile dell’anno al Rosa Alpina (Bolzano) dello stellato Norbert Niederkofler. Premio alla Carriera per Romano di Viareggio.

DEGUSTAZIONE VINI 2 RIDNovità anche per la Guida “I Vini d’Italia 2018”. Arricchita di nuovi contenuti, la guida si configura come l’unica in Italia completamente orientata al consumatore. Come la scorsa edizione, uno strumento empirico che presenta un focus su tre distinte classifiche: i “100 vini da bere subito”, i “100 vini da conservare” e i “100 vini da comprare”. A queste si aggiunge un nuovo inedito contenuto: i “100 vini da riassaggiare”, una sezione senza classifica concepita per dare un’ulteriore prospettiva al consumatore, quella evolutiva, con vecchie annate (dal 2013 al 1985) ed etichette che hanno fatto la storia.

Questo pomeriggio sono stati battuti all’asta i vini più pregiati e da collezione d’Italia organizzata annualmente in questa occasione da Pandolfini Casa d’Aste. Appuntamento anche questo imperdibile per gli operatori del settore e per i cultori dei grandi vini, in virtù del catalogo che presenta una selezione speciale di preziosi lotti suddivisi in vini italiani e francesi: il catalogo dei vini francese offre un’apia selezione di bottiglie – Borgogna, Bordeaux e Champagne – e saranno presenti tutti i Domaine e gli Château più prestigiosi; tra i vini italiani, un catalogo particolarmente ricco di bottiglie di pregio, tra cui molti Supertuscans di varie annate e i grandi piemontesi. 

L’asta continuerà domani 20 ottobre negli storici saloni di Palazzo Ramirez Montalvo di Firenze: nella mattinata, andranno all’asta i vini appartenenti a un’unica proprietà, con una cantina che racchiude tutte le eccellenze italiane. Nella sessione pomeridiana saranno invece presenti in catalogo più proprietà italiane di appassionati collezionisti che hanno conservato le proprie bottiglie nelle migliori condizioni.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here